Tu sei qui

LE MIGLIORI FRASI DI SILVIO BERLUSCONI

1. L'Italia è il paese che amo (1994)

2. Alla Rai non sposterò nemmeno una pianta. (29 marzo 1994)

3. Mai mi occuperò di questioni televisive, per non dare l'impressione di voler favorire i miei affari, anzi starò più dalla parte della Rai che della Fininvest. (30 maggio 1994)

4. Bossi, quando parla, sembra un ubriaco al bar. (26 Agosto 1994)

5. Io sono l'unto del signore, c'è qualcosa di divino nell'essere scelto dalla gente. (25 novembre 1994)

6. I miei giornali, le mie TV, il mio gruppo sono sempre stati in prima fila nel sostenere i giudici di Mani Pulite. (8 Dicembre 1994)

7. Emilio Fede? Prima ero critico, ma adesso comincio ad apprezzarlo. È un baluardo per la democrazia e per l'informazione. (4 Gennaio 1995)

8. Bossi, un disastro, una mente contorta e dissociata, un incidente della democrazia italiana, uno sfasciacarrozze con il quale non mi siederò mai più allo stesso tavolo. (20 Gennaio 1995)

9. Venderò le tv a imprenditori internazionali. (1 Aprile 1995)

10. Voi dovete diventare dei missionari, anzi degli apostoli, vi spiegherò il Vangelo di Forza Italia, il Vangelo secondo Silvio. (4 Aprile 1995)

11. Sono un grande estimatore della magistratura. (10 Ottobre 1995)

12. Chi salvo fra Dini, D'Alema, Prodi, Veltroni e Bertinotti? Li butto tutti dalla torre e poi chiedo il Nobel per la pace. (30 ottobre 1995)

13. Dire che io utilizzo la mia posizione di leader politico per interessi personali è negare il disinteresse e la generosità che mi appartengono. (15 dicembre 1995)

14. Arafat mi ha chiesto di dargli una tv per la Striscia di Gaza. Gli manderò Striscia la Notizia. (7 marzo 1997)

15. Da cui poi nacquero Romolo e Remolo. (28 Maggio 2000)

16. Ho insegnato al Milan come si gioca al calcio. (23 marzo 2001)

17. Hanno fatto una prova anche su di me, sulla mia funzionalità cerebrale e fisica e hanno deciso che sono un miracolo che cammina. (5 ottobre 2002)

18. Mi sta venendo un complesso di superiorità tanto che dico: "Meno male che ci sono io". Nessuno avrebbe potuto fare meglio di quello che abbiamo fatto noi. (3 dicembre 2002).

19. Lei è un dipendente del servizio pubblico, si contenga! (rivolto a Michele Santoro, 17 marzo 2003)

20. Noi di Forza Italia abbiamo una moralità di livello così elevato che gli altri non possono nemmeno percepirlo. (10 maggio 2003)

21. So che in Italia c'è un produttore che sta montando un film sui campi di concentramento nazisti, la suggerirò per il ruolo di Kapo. (Rivolto a Martin Schulz al Parlamento Europeo, 2 Luglio 2003)

22. Sono un galantuomo, una persona perbene, un signore dalla moralità assoluta. (13 luglio 2003)

23. Mussolini non ha mai ucciso nessuno: gli oppositori li mandava in vacanza al confino. (4 settembre 2003)

24. Questi giudici sono doppiamente matti! Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana. (5 settembre 2003)

25. Io invito tutti a tirar fuori soltanto una mia frase insultante nei rispetti dell'opposizione. Io rispetto tutti e pretendo rispetto. (10 marzo 2004)

26. La stampa straniera è normalmente di sinistra e ci presenta in modo diverso dalla realtà. (24 ottobre 2004)

27. Il pubblico italiano non è fatto solo di intellettuali, la media è un ragazzo di seconda media che nemmeno siede al primo banco. E' a loro che devo parlare. (10 dicembre 2004)

28. Se c'è qualcuno che fa un grande sacrificio a ripresentarsi come candidato quello sono io. (29 Agosto 2005)

29. C'è uno stato parallelo nelle mani della sinistra che controlla le scuole superiori, le università, i giornali, le radio, le televisioni, la magistratura. (a Ballarò, 2006)

30. Io non ho mai fatto affari con la politica. Anzi, ci ho sempre perso. (5 gennaio 2006)

31. Il Presidente del Consiglio non può, per definizione, mentire. (18 Gennaio 2006)

32. La Rai è una vera e propria macchina da guerra contro di me. E anche le mie televisioni mi remano contro. (8 gennaio 2006)

33. Sfido chiunque a citare un solo provvedimento del governo o della maggioranza che mi abbia favorito. (21 gennaio 2006)

34. Andare in tv non mi piace, semplicemente lo odio. (25 gennaio 2006)

35. Io sono il Gesù Cristo della politica. (13 Febbraio 2006)

36. Insistono ancora nel dire che io ho detto che i comunisti mangiavano i bambini, io ho detto che sotto la Cina di Mao i bambini li bollivano per concimare i campi. (26 Marzo 2006)

37. Ho troppa stima dell'intelligenza degli italiani per pensare che ci siano in giro così tanti coglioni che possano votare facendo il proprio disinteresse. (4 aprile 2006)

38. Non ho mai registrato tanto entusiasmo nei miei confronti negli ultimi 14 anni, al punto che mi sono venute le stigmate. (11 dicembre 2007)

39. L'energia nucleare è la forma più pulita e più sicura di produzione dell'energia. (2008)

40. Zapatero ha fatto un governo troppo rosa che noi non possiamo fare anche perché in Italia c'è una prevalenza di uomini. (15 Aprile 2008)

41. Obama è giovane, bello e anche abbronzato. (6 Novembre 2008)

42. Non è in morte celebrale, ma è una persona che respira in modo autonomo, una persona viva, le cui cellule celebrali sono vive e mandano anche segnali elettrici, una persona che
potrebbe anche in ipotesi generare un figlio. (Riguardo Eluana Englaro, Febbraio 2009)

43. Napoli sarà pulita dai rifiuti in pochi giorni. (detta più di 10 volte fra 2009 e 2010)

44. Non c'è stato nessun versamento di nessuno al signor Mills. (20 Maggio 2009)

45. In questi 15 anni ho avuto modo di incontrare più volte il leader (Gheddafi) e di legarmi a lui da una vera e profonda amicizia. Gli riconosco una grande saggezza. (11 Giugno 2009)

46. Siete solo dei poveri comunisti. (19 Giugno 2009, detta varie volte)

47. Le dico di essere stato e di essere di gran lunga il migliore Presidente del Consiglio che l'Italia abbia potuto avere nei suoi 150 anni di storia. (10 Settembre 2009)

48. Sento parlare la signora Rosy Bindi: è sempre più bella che intelligente. (8 ottobre 2009)

49. Ho speso più di 200 milioni di euro per consulenti e giudici, sono l'uomo più perseguitato della storia. (9 Ottobre 2009)

50. Io se trovo quelli che hanno fatto nove serie della “Piovra” e quelli che scrivono i libri sulla mafia e che vanno in giro in tutto il mondo a farci fare così bella figura giuro li strozzo. (29 Novembre 2009)

51. Sconfiggerò il cancro nel giro di tre anni. (2010)

52. Ai giovani: cercate un lavoro all'estero, non è così difficile farlo. (12 Settembre 2010)

53. Alle donne: cercatevi un ragazzo ricco. (12 Settembre 2010)

54. La libertà di stampa non è un diritto assoluto. (10 Luglio 2010)

55. Meglio essere appassionato delle belle ragazze che gay. (2 Novembre 2010)

56. Non ho mai pagato una donna in vita mia. (16 Gennaio 2011)

57. Ho una relazione stabile con una persona. (16 Gennaio 2011)

58. Intenterò una causa allo Stato. (9 Febbraio 2011)

59. Le ho dato dei soldi per evitare che si prostituisse (riguardo Ruby, 10 Aprile 2011)

60. Abbiamo presentato la riforma della giustizia e per noi è fondamentale, perché in questo momento abbiamo quasi una dittatura dei giudici di sinistra. (a Barack Obama, 26 maggio 2011)

61. L'Italia è un paese di merda. (da un' intercettazione, Luglio 2011)

62. Sic transit gloria mundi (Così passa la gloria di questo mondo, riferendosi alla morte di Gheddafi, 20 Ottobre 2011)

Capitolo Crisi

1. "La crisi? Non è così grave" (20/01/2009);

2. "La crisi non è così tragica, sono i media che esagerano" (07/03/2009);

3. "La crisi è solo psicologica" (03/05/2009);

4. "La crisi è ormai alle spalle" (08/07/2009);

5. "La crisi è alle spalle, è iniziata la risalita, ma è lenta" (11/03/2010);

6. "Crisi? Segni inducono all'ottimismo" (19/05/2010);

7. "Sulla crisi sono ottimista" (23/05/2010);

8."Crisi superata grazie a scelte giuste del governo" (29/09/2010);

9. "Non è un momento facile, bisogna fare dei sacrifici" (12/07/2011);

10. "il nostro cuore gronda sangue" (12/08/2011).

Argomento: 

Commenti

Ritratto di Marco

Presidente, perdoni l'approccio informale. Sono un giornalista, lavoro da due anni con il gruppo di macroeconomisti del Levy Institute Bard College di New York sulla crisi dell'Eurozona. Siamo guidati dal Prof. L. Randall Wray dell’Università del Missouri Kansas City, che coordina altri 10 colleghi inglesi e australiani.
Presidente, è incomprensibile che Lei non scelga di salvare la nazione, e il Suo governo, rendendo pubblico che:
a) l'Euro fu disegnato precisamente per affossare gli Stati del sud Europa, fra cui l’Italia.
b) esistono responsabili italiani ed europei di questo "colpo di Stato finanziario di proporzioni storiche". (Una definizione del tutto ragionata offerta dell'economista americano Michael Hudson).
Presidente, dalle pagine del Financial Times, del Wall Street Journal e persino del New York Times, da mesi economisti del calibro di Martin Wolf, Joseph Stiglitz, Paul Krugman, Nouriel Roubini, Marshall Auerback, Le stanno suggerendo la via d'uscita. A Parigi, l’eccellente Prof. Alain Parguez dell’Università di Besancon ne ha trattato esaustivamente. Wray e i suoi colleghi Mosler, Tcherneva e Hudson pure. Nel dettaglio, essi hanno scritto che:
L'Italia è stata condannata a un’aggressione senza precedenti da parte dei mercati dall'operato dei governi di centrosinistra che La hanno preceduta, poiché essi hanno portato il nostro Paese nel catastrofico costrutto dell'Eurozona. Le famiglie italiane e il Suo governo non devono pagare per colpe non loro. Lei deve dire alla nazione ciò che sta veramente accadendo, e chi ci ha condotti a questo dramma.
L'Euro fu pensato nel 1943 dal francese Francois Perroux con il dichiarato intento di "Togliere agli Stati la loro ragion d'essere". La moneta unica è infatti un progetto franco-germanico da quasi mezzo secolo (Attali, Delors, Issing, Weigel et al.), col fine di congelare le svalutazioni competitive d'Italia e Spagna, e col fine di deprimere i redditi del sud Europa per delocalizzare in esso manodopera industriale per l'esclusivo vantaggio del Neomercantilismo franco-tedesco.
Specificamente, la moneta unica:
- Esclude un prestatore di ultima istanza sul modello Federal Reserve USA, proprio per portare la sfiducia dei mercati sui debiti dell'Eurozona.
- I debiti dell'Eurozona non sono più sovrani, poiché l'Euro è moneta che ogni Stato può solo usare, non emettere, e che ogni Stato deve prendere in prestito dai mercati di capitali privati che lo acquisiscono all'emissione. L'Euro è moneta di nessuno, non sovrana per alcuno.
- I due punti precedenti hanno distrutto il fondamentale più importante della macroeconomia di Stato, che è "Ability to pay", cioè la capacità di uno Stato di onorare sempre il proprio debito emettendo la propria moneta sovrana. L’attuale aggressività dei mercati contro il nostro Paese (ed altri) è dovuta in larghissima parte proprio alla loro consapevolezza della nostra perdita di "Ability to pay", la cui presenza è infatti l'unica rassicurazione che può calmare i mercati. Motivo per il quale il Giappone dello Yen sovrano, che registra il 200% di debito/PIL, non è da essi aggredito e ha inflazione vicina allo 0%. Motivo per cui l'Italia della Lira sovrana mai si trovò in condizioni simili al dramma attuale, nonostante parametri ben peggiori di quelli oggi presenti.
- L'Euro è moneta insostenibile, disegnata precisamente affinché l'assenza radicale di "Ability to pay" nei governi più deboli dell’Eurozona inneschi un circolo vizioso di crisi che alimenta la sfiducia dei mercati che alimenta crisi. Non se ne esce, qualsiasi correttivo non altera, né mai altererà, questo fondamentale negativo, e i mercati infatti non si placano.
- Le estreme misure di austerità per la riduzione del deficit di bilancio che vengono oggi imposte al Suo governo, sono distruttive per la Aggregate Demand di cui qualsiasi economia necessita per crescere. Sono cioè il farmaco che causa la malattia, invece di curarla. Anche questo non accade per un caso.
- Tali misure ci vengono imposte proprio perché il nostro debito pubblico non è più sovrano, a causa dell'adozione di una moneta non sovrana. Infatti, ogni spazio di manovra del Suo governo al fine di stimolare crescita e riduzione del debito attraverso scelte di spesa sovrana (fiscal policy), è stato annullato dall'adozione della moneta unica, che, ribadisco, l'Italia non può emettere come invece fanno USA o Giappone. Si tratta di una perdita di sovranità governativa senza precedenti nella storia repubblicana, e di cui le misure imposte dalla Commissione UE come il European Semester e l'Europact sono l'espressione più estreme, ma di cui noi cittadini e Lei paghiamo le estreme conseguenze.
- L'Euro e i Trattati europei che l’hanno introdotto, sbandierati a salvezza nazionale dal centrosinistra, stanno, per i motivi sopraccitati, umiliando l'Italia, nazione che ha uno dei risparmi privati migliori del mondo, 9.000 miliardi in ricchezza privata, una capacità industriale invidiata dai G20, banche assai più sane della media occidentale, e parametri di deficit che sono inferiori ad altri Stati dell'Eurozona. Lei, Presidente, sarà il capro espiatorio, noi italiani ne soffriremo conseguenze devastanti per generazioni.
Presidente, Lei deve e può denunciare pubblicamente la realtà di questa moneta disegnata per fallire. Lei può e deve smascherare le responsabilità del centrosinistra italiano e dei governi 'tecnici' in queste scelte sovranazionali catastrofiche.
Presidente, il team di macroeconomisti accademici del Levy Institute Bard College di New York e dell'Università del Missouri Kansas City, sono coloro che hanno strutturato il piano Jefes che ha portato l'Argentina dal default al divenire una delle economie più in crescita del mondo di oggi. Essi sono a Sua disposizione per definire sia la strategia comunicativa che quella economica per salvare l'Italia, e il Suo governo, da un destino tragico e che non meritiamo.
In ultimo una precisazione di ordine morale.
Presidente, io non sono un Suo elettore, e avrei cose dure da dire sul segno che la Sua entrata in politica ha lasciato in Italia. Ma non sono un cieco fanatico vittima della cultura dell’odio irrazionale che ha posseduto gli elettori dell’opposizione in questo Paese, guidati da falsari ideologici disprezzabili, come Eugenio Scalfari, Paolo Flores d’Arcais, Paolo Savona, e i loro scherani mediatici come Michele Santoro, Marco Travaglio e codazzo al seguito. Perciò come prima cosa mi ripugna che Lei sia bollato come il responsabile di colpe che Lei non ha, e che sono tutte a carico del centrosinistra italiano. Incolpare un innocente, per quanto criticabile egli sia, è sempre inaccettabile. Ma soprattutto, Presidente, se l’Italia verrà consegnata dal golpe finanziario in atto contro di noi, e da elettori sconsiderati e ignoranti, nelle mani del Partito Democratico, per noi sarà la fine. Sarà l’entrata trionfale a Roma dei carnefici del Neoliberismo più impietoso, sarà la calata della Shock Therapy su un popolo ignaro, cioè il saccheggio del bene comune più scientificamente organizzato di ogni tempo, quello che nell’Est europeo ha già mietuto più di 40 milioni di vite in due decadi, senza contare le sofferenze sociali inenarrabili che porta con sé.
I volti di Mario Monti, di Massimo D’Alema, di Mario Draghi, di Romano Prodi, dell’infimo Bersani, sono le maschere funebri di questa nazione, veri criminali e falsari di portata storica. Il cerimoniere complice si chiama Giorgio Napolitano.
Mi appello a Lei Presidente perché mi rendo conto che i miei connazionali non hanno la più pallida idea di ciò che il centrosinistra italiano ha già inflitto al nostro Paese, di ciò che gli infliggerebbe se salisse al governo, ma soprattutto di chi li guida dietro le quinte. Le eminenze grigie sono le elite Neoclassiche, Neomercantili e Neoliberiste, gente senza nessuna pietà.
Resista Presidente, affinché Lei possa usare il tempo che Le rimane per smascherare il "colpo di Stato finanziario" che sta travolgendo, fra gli altri, la nostra Italia. I mercati finanziari della "classe predatrice", così ben descritta nella sua abiezione dall’americano James Galbraith, la odiano a morte, ci odiano a morte. Sia Lei, Presidente, colui che piazza la mina nei cingoli della loro macchina infernale, rivelandone l’inganno chiamato Euro e Trattato di Lisbona. Gli italiani non lo faranno. Non ne sono capaci. Auguri!
Paolo Barnard

Ritratto di Umberto Banchieri

Ecco! Ci mancava solo la propaganda di estrema destra di Paolo Barnard con i suoi vaneggiamenti e siamo apposto... al di là delle emerite caxxate che compaiono scritte nella lettera: basta solo leggere i passaggi storici, mio fratello che fa terza media si potrebbe mettere a ridere tipo il passaggio su una moneta europea voluta da Francia e Germania per rallentare la crescita di Italia e Spagna dovuta grazie alla svalutazione delle loro monete... dire cose del genere vuol dire non aver mai neanche visto un dato di crescita dei paesi citati o conoscere i meccanismi di stabilità, Bretton-Woods. dei cambi che furono progettati fin da prima della fine della WWII... per non dire le considerazioni economiche da far impallidire qualsiasi studente delle superiori al primo anno per la loro balzanità ('Italia in passato con dati economici peggiori di ora': ma su che mondo è vissuto Barnard fin'ora? Su Marte? E Marte non è casuale) o per non dire le sue considerazioni paranoiche su vari personaggi italiani, che possono piacere o meno, ma c'è un limite a tutto, anche al fango o alle cretinate che si possono inventare su una persona...

Al di là di tutto basta solo dire che nei database del Levy institute e dell'altra università questo personaggio NON compare affatto... il bello ed il brutto della rete: tutti hanno diritto di parola, anche i cazzari...

Domani scrivo anch'io una lettera in cui dico di essere io il fautore della crescita economica turca... qualcuno disposto a crederci ci sarà...

Ritratto di G8nlm70mi5

Ewvenklem Izblxdms Llryl <a href="http://scarpehoganiti.moonfruit.com/">hogan scarpe</a> Brdmrrinw Qkvortxmd Bbomgoapy http://scarpehoganiti.moonfruit.com/
Jthlvul Ghhkfj Drtsilkhy <a href="http://hoganoutletit.moonfruit.com/">hogan outlet</a> Tqhpbnbap Jmyvcoie Qiynp http://hoganoutletit.moonfruit.com/

Ritratto di Mario

In realtà dovrebbe lasciare subito il posto, chiedendo pure scusa!
Non è stato un governo di destra. Né di sinistra, né di centro. La sola presenza nel pdl della lega secessionista, secondo me, ha indebolito l'Italia e, tra l'altro, chi vuole separarsi da uno Stato non può agire nell'interesse dello Stato!
Bisogna fare al più presto un governo tecnico recuperando quei quattro o cinque in parlamento che capiscono qualcosa e quelle due decine di persone meno disoneste che ci sono per fare:

1) Patrimoniale orientata verso l'alto (leggi patrimoni milionari e redditi superiori a 250000 euro);

2) Riduzione di tutti gli stipendi massimi e pensioni massime statali (dirigenti vari che prendono oltre 10000 euro mensili) a 10000;

3) Investimento "coatto" in titoli di stato del 10% dello stipendio di ogni cittadino in cambio di un tasso di interesse del 2% annuo

4) riduzione di ogni spreco dovuto a cattiva gestione degli enti statali, regionali, provinciali, comunali...

5) locazione e affitto a privati, NON vendita dei beni statali

6) vera lotta ad evasione fiscale cercando anche i grandi evasori

7) aumento stipendi minimi ad almeno 1000 euro (netti!) per favorire la ripresa dei consumi;

8) riduzione IVA di 2 punti percentuali per diminuire inflazione e aumentare consumi;

9) abrogazione legge Merlin e liberalizzazione droghe per favorire il controllo sanitario e la riduzione della criminalità;

10) aumento controlli delle forze dell'ordine..

Ci sarebbero altri pochi punti per rimettere in piedi, per sempre, l'Italia!

Ritratto di Matteo Grasso

Mi spieghi un po' come mai hai copiato riga riga il mio articolo senza nemmeno una citazione? http://matteograsso.blogspot.it/2011/07/le-migliori-frasi-di-silvio-berl...

Pagine

Aggiungi un commento

2011 - Nuova Democrazia Europea